Sindrome dell’Ovaio Policistico

La Sindrome dell’ovaio policistico, nota anche come sindrome di Stein-Leventhal, è causata da uno squilibrio ormonale nella donna. È purtroppo una delle cause più frequenti di infertilità femminile ed è contraddistinta dalla presenza di cisti ovariche che comportano l’ingrossamento delle ovaie.

Le cause della sindrome dell’ovaio policistico non sono ancora state accertate ma si pensa che ci sia una correlazione tra fattori genetici e cause ambientali. Si stima che circa una donna su cinque soffra di questa sindrome. I sintomi possono comparire sin da subito (prima o dopo il menarca) o svilupparsi nel corso degli anni. L’alterazione ormonale è la causa principale della sindrome e comporta un’eccessiva produzione di ormoni maschili, come il testosterone.

La diagnosi di sindrome dell’ovaio policistico non è sempre semplice. Si definisce appunto sindrome e non malattia per la presenza della varietà di sintomi. Ci sono però degli esami specifici da poter effettuare per poterla determinare, quali: una specifica visita ginecologica, che consiste in un esame dell’anamnesi familiare, l’osservazione del ciclo e una verifica delle condizioni di salute generale; dosaggi ormonali (tramite il prelievo di sangue); ecografia transvaginale (per evidenziare l’aspetto delle ovaie e la loro dimensione).

I sintomi non sono tutti uguali e possono variare da donna a donna. I principali e più diffusi sono:

  • Disturbi mestruali: oligomenorrea (ciclo dalla durata irregolare, solitamente superiore ai 30 giorni) o amenorrea (assenza delle mestruazioni);
  • Infertilità femminile: anovulazione (assenza di ovulazione);
  • Presenza di cisti ovariche;
  • Acne;
  • Irsutismo (peluria eccessiva su viso e corpo);
  • Ingrossamento delle ovaie;
  • Superficie ovarica spessa;
  • Obesità: tendenza a mettere peso soprattutto nella parte inferiore del torace (tipica forma della mela);
  • Sindrome premestruale prolungata: Sbalzi d’umore, gonfiore addominale, cefalea e ritenzione idrica.

Per le donne affette dalla sindrome dell’ovaio policistico, è consigliato seguire uno stile di vita corretto, una sana alimentazione, attività fisica e una terapia mirata. È stato dimostrato che l’obesità tende a peggiorare l’intero quadro clinico.

I trattamenti della sindrome dell’ovaio policistico possono essere diversi: nel caso di ciclo irregolare, acne e irsutismo, potrebbe essere utile l’assunzione della pillola anticoncezionale; per le donne alla ricerca di una gravidanza, invece, si procederà con terapie mirate per il ripristino dell’ovulazione.

Condividi su:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi