La ricerca della gravidanza

Quando si inizia a pianificare la ricerca della gravidanza, molte donne commettono l’errore di buttarcisi troppo a capofitto. L’ansia e lo stress sono nemici della ricerca di un bambino, certo, non sono da soli causa dell’infertilità ma sicuramente tendono a ridurla.

È facile che la coppia vada in ansia se dopo qualche mese di tentativi il tanto agognato positivo non arrivi. Ricordatevi la parola magica “pazienza”. Tenetela bene a mente perché è fondamentale nella ricerca della gravidanza. Vi basti pensare che mediamente per rimanere incinta, nella maggioranza dei casi, una coppia impiega fino ad un anno di tentativi mirati. Questo ovviamente se alla base non ci sono problemi particolari. Non bisogna dunque avvilirsi se la cicogna tarda a bussare alla nostra porta.

Fattore molto importante nella ricerca di un figlio è l’età della donna. L’età in cui la fertilità raggiunge il suo picco massimo è tra i 20 e i 25 anni. Va da sé che dopo i 35 anni, la ricerca diventa un po’ più difficile ma non impossibile. Se la donna ha circa 30 anni possono volerci anche più mesi di tentativi. Si consiglia dunque, di attendere almeno 20-24 mesi prima di prendere in considerazione l’idea di rivolgersi ad un esperto. Se la donna ha più di 40 anni, bastano invece anche soli 6 mesi di tentativi per potersi rivolgere ad un esperto.

Ad ogni modo, quando si pianifica la ricerca della gravidanza è consigliabile chiedere un consulto con un ginecologo. In questa prima visita si discuterà dell’anamnesi della donna e del rispettivo partner; del loro stile di vita; di eventuali farmaci assunti e fattori di rischio o patologie preesistenti. Il ginecologo provvederà ad effettuare un’ecografia pelvica, per valutare ed escludere possibili ostacoli alla ricerca della gravidanza. Sarà il ginecologo stesso a valutare, se occorrerà effettuare anche un pap-test oppure no, questo anche a seconda di quanto tempo è passato dall’ultimo esame effettuato. Infine, lo specialista consiglierà di iniziare ad assumere l’acido folico, importantissimo per prevenire la comparsa della spina bifida nel bambino.

Inutile dire che quando si comincia a pianificare la ricerca della gravidanza, bisogna evitare alcune cose in particolare: non è consigliato bere alcolici né fumare. È consigliato condurre uno stile di vita sano con una corretta alimentazione.

Condividi su:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi